January 30, 2019

December 5, 2017

Please reload

Recent Posts

Intervista a Gary Condes

January 30, 2019

1/5
Please reload

Featured Posts

Anche tu sei un artista evitante?

 

Ho trovato questa lista su internet, non sono riuscita a trovare l'autore e anche se leggendola la prima volta mi è sembrata un pò troppo negativa e pessimista, rileggendola ho pensato che effettivamente su una cosa è giusta: spesso siamo in conflitto tra quello che vorremmo fare e tutti i motivi che diamo a noi stessi per non farlo. Quando in realtà la responsabilità e possibilità di esprimere la nostra creatività e completamente nostra. 

         

 

12 Caratteristiche degli Artisti Evitanti

 

  1. Siamo stati cresciuti in un ambiente d’invalidazione che si manifesta nella nostra incertezza artistica.

  2. In un qualsiasi periodo di 24 ore troviamo il modo, cosciente o incoscientemente, di evitare di fare ciò che ci rende pienamente felici—esprimere la nostra creatività.

  3. Ci siamo allontanati dalla nostra arte investendo in stili di vita, relazioni e attività lavorative incompatibili con i nostri scopi artistici. Pensiamo alla nostra arte come a qualcosa di scollegato dalla realtà, negandoci il diritto di inseguire il nostro sogno.

  4. La nostra energia creativa è spesso bloccata dalla disperazione, depressione, rabbia, ossessione, comportamenti compulsivi o additivi. Blocchiamo relazioni importanti dalla nostra vita-professionale, sociale, amorosa, familiare e dalle nostre amicizie.

  5. I miti della società gironzolano nella nostra testa: “L’arte non è pratico”- “Gli artisti sono neurotici”- “Farai la fame”- “Ti devi allenare”- “Sei troppo vecchio”- “è troppo tardi”. Abbiamo accettato tutto ciò come vero quando in realtà non è così.

  6. Il successo di altri artisti ci ha fatto sentire intimiditi. Gelosia, invidia, paura, autocommiserazione, perfezionismo, rancore e altri difetti di carattere bloccano la nostra fede nella nostra creatività e nei nostri doni. Non sentiamo di meritare il successo che abbiamo o che desideriamo. Ci sentiamo degli impostori.

  7. Spesso ci sentiamo “insicuri”. Abbiamo paura di diventare il bersaglio di critiche, danni, rifiuti, preferiamo restare invisibili e rimanere per sempre sul ciglio dell’inizio. Impigliati nella Sindrome Evitante.

  8. Concepiamo la nostra arte come separata dalla nostra realtà, negandoci il diritto a seguire il nostro sogno. Dimentichiamo che gli artisti hanno diritto al loro lavoro e meritano la felicità e il successo che lavorare li porta.

  9. Evitiamo compromessi a causa della paura di inseguire la nostra creatività come una forma di guadagnarci da vivere. L’idea di guadagnarci da vivere con la nostra arte è opprimente. Siamo incapaci di determinare il valore monetario nel mercato della nostra arte.

  10. Siccome abbiamo più di un talento, abbiamo difficoltà nel trovare la nostra vera vocazione. Neghiamo la responsabilità di sviluppare e realizzare pienamente i nostri talenti. Abbiamo paura di fare i sacrifici necessari e di stabilire le priorità per realizzare le nostre visioni artistiche.

  11. Il nostro tempo è ingestibile. Abbiamo difficoltà nel portare a termine i nostri progetti e spesso sabotiamo i nostri sforzi. Vogliamo lavorare nella nostra arte ma non sappiamo come. Nel processo, diventiamo impazienti, dimenticando che i risultati arrivano coi tempi di Dio, non con i nostri.

  12. Abbiamo avuto paura della nostra energia creativa e abbiamo diffidato dei nostri istinti creativi. In mancanza di consapevolezza spirituale, non abbiamo saputo riconoscere che siamo canali di un Processo Creativo Infinito.

 

Se vuoi ricevere gli articoli prima degli altri iscriviti alla Newsletter

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Follow Us
Please reload

Search By Tags